Chiesa dell'Annunziata Stampa

 

chiesa-Annunziata2La Chiesa dell’Annunziata è situata nella parte bassa del paese e si trova all’inizio della “trecedde”, tratturo che la collega con la chiesa rupestre di Sant’Antuono. La chiesa risale al XIV secolo per opera di Monaci Antoniani e costituisce un beneficio Abbaziale.

L’archeologa Lisa Lissi Caronna in Oppido Lucano 1963 la descrive così: (…) La facciata è costituita da un portale con arco a tutto sesto, sormontato da un occhialone e sopra questo il piccolo campanile a vela con la “campana parva”. Il campanile era dotato di tre pinnacoli, su quello centrale si ergeva un’esile croce. La facciata è decorata con una divisione, in tre zone, segnate da una fascia di colore, l’inferiore all’altezza dell’imposta dell’arco del portale, la seconda all’imposta del tetto, circondando l’occhialone nella metà inferiore, la terza dalla metà dell’occhialone fino alla sommità del tetto (…). Il lato ovest della chiesa è rinforzato da tre poderosi speroni. All’interno vi è la pala rappresentante l’Annunciazione, di Antonio Stabile, opera databile intorno al 1570.

Dall’ingresso della chiesa, volgendo lo sguardo verso il paese, è possibile apprezzare in primo piano il Palazzo Nigri e all’orizzonte la Chiesa Madre e il Castello.

Le notizie sono state ricavate da varie fonti bibliografiche su Oppido Lucano, la sua storia e il suo territorio.

Info: Via dell'Annunziata