Home  >  Le Tradizioni Il dialetto
I Proverbi PDF Stampa E-mail
Il dialetto è la nostra vera lingua materna, quella che abbiamo appresa dalle labbra della mamma, è stato inoltre la base del nostro primo parlare e la lingua nella quale abbiamo imparato a pensare. 
Il dialetto, sosteneva Giacomo Devoto storico della lingua italiana, anziché attentare alla vita della lingua e lungi dal mortificarla, come ritenevano alcuni, la completa con espressioni che altrimenti non potrebbero essere rese in tutto il loro sapore e la loro icasticità, e costituisce il serbatoio di inesauribile linfa per la lingua, che in esso trova le condizioni per arricchire il patrimonio lessicale e continuamente rinnovarsi.
Di qui la necessità di garantire la registrazione e la conservazione del patrimonio linguistico, in cui si esprime e si riconosce essenzialmente la storia di un popolo.
Il dialetto di Oppido Lucano non fa parte della categoria dei dialetti gallo-italici, ma appartiene all’area linguistica chiamata “zona di transizione”. Questa comprende la parte Nord-orientale della regione che va da Melfi a Matera, insistendo su un territorio quasi completamente nella valle del Bradano, nella quale si trova Oppido.

Tratto da:

-F.S. Lioi, Radici. Lessico Lucano nel Dialetto di Oppido, Erreci edizioni, Quaderni di Leukanikà, III, 2004.

-Materiale inedito di ricerca linguistica (Note sul dialetto di Oppido Lucano di L. P.)


la regione della lucania
La regione storica della Lucania

PROVERBIO DEL MESE

MARZO (Marze): Arra Nuzziàte la rondene ié già turnàte 
 
FEBBRAIO (Frubbare): A Carnevale ogne scherze vale
 
GENNAIO (Scennare): a Sandanduone maschere e tuone 
 
ALTRI PROVERBI IN DIALETTO
 
E sciame arru paise, ca ngè sonne i Briulise
 
Lu frestiere iè come lu niglie, osce lu vide e craie va te lu piglie
 
Zite de restocce, ad Auste i piglie la occe
 
Ciucce vasce, pedditere pare
 
Arru sorge nan gli manche lu pertuse
 
Quanne la volpe nan arrive all’uve, dice ca nan iè bone  
 
Fave chiandàrene, cicere nascèrene
 
Attacche lu ciucce, addò vole lu patrune
 
Coste cchiù la séte ca la unnédde
 
Criste i face e la Madonne gl’accocchie
 
I uaie de la pegnate iè lu cucchiare ca vaie pedinte